Ricerca

ViM Traductor

Powered by Blogger.

Viandanti del blog...

Corsi

CORSO RIPROPOSTO, IN ARRIVO IL NUOVO VOLANTINO

Il nuovo corso, spostato a febbraio 2018 avrà lo stesso numero di lezioni e titoli di argomenti dello scorso anno, ma le lezioni saranno di 2 ore. Per ogni info sul corso, contattare il recapito nel volantino.

InstaViM

La nuova pagina Instagram



Il castello di Cardigan: antica corte di Artù nell’Erec et Enide di Chretien de Troyes e raduno nel 1176 di scrittori e letterati

 

Ubicazione del castello nella cartina della Gran Bretagna

 

Le rovine del castello, unica parte medievale ancora oggi visibile.

 

È una cittadina della costa sud-occidentale del Galles, affacciata sulla baia omonima (Cardigan Bay) ed appartenente, dal punto di vista amministrativo, alla contea di Ceredigion (un tempo: Cardiganshire). È situata lungo l'estuario dal fiume Teifi (da cui il nome in gallese: Aberteifi). Le prime notizie certe del castello di Cardigan risalgono alla fine del XI secolo (1093) e sembra che fosse stato fatto costruire da Roger de Montgomery, un barone inglese. L’intera area del castello si sarebbe estesa fino a circa 1 miglio dall’attuale posizione del sito. Nel XII secolo, nel 1176 sembra che fosse diventato la sede di una specie di raduno per intellettuali, poeti e letterati. Erec ed Enide fu composto da Chretien poco prima di questo raduno e ciò suggerisce che Chretien non vi fosse andato nel 1176, ma prima del 1170 (anno di composizione del poema). La città insieme al castello sarebbero rimasti vittima di due se non tre precisati attacchi. Dopo il primo attacco la prima ricostruzione fu a carico del conquistatore Gilbert Fitz Richard in un periodo compreso tra gli ultimi anni del XI secolo ed il 1136 quando il castello sarebbe passato in eredità al figlio di Gilbert. Nello stesso anno, per, un nemico, tale Owain Gwynedd guidò una battaglia contro il governo normanno nella città di Cardigan (Battaglia di Crug Mawr). La città fu presa e bruciata, ed anche una parte del castello sebbene fosse stato valorosamente difeso dai Normanni comandati da Robert fitz Martin e per questo motivo una buona parte è ancora visibile, almeno quella precedente al 1136. Il castello più tardi fu riconquistato dai Normanni al seguito di Roger conte di Hertford. Nel 1166 però il castello cambiò nuovamente padrone e fu conquistato da Rhys ap Gruffydd che lo ricostruì in pietra nel 1171. Nel 1176 si tenne il raduno di cui sopra e questo suggerisce che nonostante il continuo e violento cambiamento di proprietari e partiti, il luogo di Cardigan godesse di una certa ricchezza, specie per quanto riguarda i materiali di costruzione, oltretutto si trovava in posizione strategica nonostante non fosse su di una montagna, ma in pianura, probabilmente doveva essere un punto di accesso per il controllo del Galles del Sud e del mare che dava sull’Atlantico e poteva essere invaso sulle coste sia dagli Irlandesi da ovest sia dai sassoni e dai francesi a sud. Alla morte di Rhys nel 1197, i suoi figli, Maelgwn e Gruffydd, ricevettero il castello in eredità entrambi, ma ne nacque una contesa che vide alleato Gruffydd ai Normanni a scapito del fratello. Nel 1204, sotto il regno di Re Giovanni Senzaterra il castello passava nella mani del Re e da esso come feudo a William Marshall. Vittima nuovamente di successivi attacchi e conquiste, perdite e riconquiste fino al 1244 quando uno degli ultimi proprietari ricostruiù le mura esterne del castello a difesa aggiuntiva, parte che oggi si vede solo dal lato del fiume. Distrutto nuovamente durante la Guerra Civile inglese del XVIII secolo il castello venne usato successivamente come prigione. Finita la Seconda Guerra Mondiale il castello ormai era una rovina e solo nel 2003 è stato comprato da un concilio locale e vi hanno costruito una parte moderna, mantenendo e restaurando le mura medievali ancora intatte, destinandola a ristorante.

Bibliografia

0 commentarium:

Posta un commento

Gentile Viandante, il tuo commento sarà pubblicato non appena approvato dall'Amministratore entro 24h. Si raccomanda di non usare questo spazio per fare commenti o domande su argomenti che non centrano con quanto scritto nel post che ti accingi a commentare. Se hai delle richieste specifiche clicca qui: Scrivici. Non si risponde tramite questo servizio poiché non sempre vi è la certezza che l'utente riceva o legga la risposta. Puoi usare questo spazio anche per esprimere apprezzamenti, nel rispetto delle norme della buona educazione e del regolamento del sito.

Gli utenti che utilizzeranno questo spazio per scrivere insulti a noi o altri utenti del blog, bestemmie o inviare link con virus o materiale illegale, saranno segnalati alla Polizia Postale.