Ricerca

ViM Traductor

Powered by Blogger.

Viandanti del blog...

Corsi

CORSO RIPROPOSTO, IN ARRIVO IL NUOVO VOLANTINO

Il nuovo corso avrà inizio a fine ottobre e avrà lo stesso numero di lezioni e titoli di argomenti, ma le lezioni saranno di 2 ore! Per ogni info sul corso, contattare il recapito nel volantino.

Da gennaio 2018, ci sarà il CORSO DI STORIA MEDIEVALE A CONFRONTO CON LA SOCIETÀ' MODERNA di 7 lezioni.



InstaViM

La nuova pagina Instagram



Il castello di Bouzov

Per le mie viandanti più romantiche certamente queste foto vi ricorderanno qualcosa sebbene siano ormai passati anni. Ebbene è il castello di Fantaghirò...o meglio...uno dei tanti bellissimi castelli situati nell'attuale Repubblica Ceca. Trovare notizie sul suo percorso storico non è stato facile e in italiano non ce ne sono.

 


Il castello è stato fondato all'inizio del XIV secolo come un castello di difesa e cambiò proprietà più volte e i primi feudatari presero il nome del luogo ai quali seguirono i signori di Kunštát, ai quali il castello rimase fino al XV secolo. Nei due secoli successivi il castello cambiò nuovamente proprietari fino al 1696, quando František Josef vendette il castello con l'intero feudo annesso a František Ludvík, vescovo di Worms e Wratislav, oltre che Gran Maestro dell'ordine dei cavalieri Teutonici e grazie a lui il castello divenne proprietà dell'ordine. Si perdono le tracce fino al 1939, probabilmente rimase nel frattempo all'Ordine dei Cavalieri Teutonici e in quell'anno il castello venne confiscato dal governo nazista per essere destinato successivamente al reparto delle SS. Nel 1945, verso la fine della guerra e probabilmente dopo l'innumerevole serie di sconfitte subite dal Reich tedesco, il castello divenne proprietà della Cecoslovacchia, attuale Rep. Ceca. Ma le vicende del castello non ebbero fine all'epoca perchè tutt'ora è in corso, così sembra, un processo tra lo Stato Ceco e l'Ordine odierno dei Cavalieri per il possesso del castello.

 

 


La rocca ha cambiato numerose volte aspetto nel corso dei secoli, e di conseguenza anche la funzione. Fino alla metà del XVI secolo il castello servì esclusivamente come struttura difensiva; dalla seconda metà del Cinquecento, dopo un grave incendio, la ristrutturazione che durò fino al secolo successivo, ne modificò l'aspetto radicalmente facendone una struttura residenziale. Il XVIII secolo segnò un periodo nero per il castello che veniva ormai da tempo usato solo in parte mentre il resto cadde in rovina e si deteriorò.
La nuova ristrutturazione fu operata e finanziata dal Gran Maestro dell'Ordine dei Cavalieri, Arciduca di Austria Eugene Habsburg o Eugenio d’Asburgo (1863-1954) che aveva intenzione di fare del castello la sede rappresentativa dell'Ordine e allestirvi all'interno un museo dedicato all'Ordine stesso e alla sua storia. La ristrutturazione costò all'epoca 20 mln di fiorini e durò dal 1895 al 1910. Alcune parti come le rovine dell'Ala nord e il lato sud (l'ala Oppersdorf) vennero abbattute e ricostruite da capo, sulla base dell'architetto di Monaco, George von Hauberisser (1841-1922), che, tra le altre cose, progettò il nuovo municipio in Monaco di Baviera e Monaco di San Paolo.

 

 

  450px-Bouzov,_hrad_(13)


L'aspetto attuale del castello di Bouzov risale all'ultima ristrutturazione, che ne ha determinato anche la modernizzazione e sono stati aggiunti impianto idraulico e di riscaldamento centralizzati, essendo che il castello, internamente arredato con mobili preziosi ed altri oggetti di arredamento costosissimi, è adibito anche come sede per matrimoni e cerimonie. La maggior parte degli arredi però non è antichissima, ma risale al XX secolo quando durante ulteriori lavori di ristrutturazione furono installati gli arredi storici e contemporanei negli interni del castello. Ebbene care lettrici, se avete intenzione di fare qualcosa di romantico per i vostri sponsali, beh, date un occhio a questo castello!

ALCUNE CURIOSITA':

Il castello come tutti i castelli medievali che si rispettino e che si vedono in alcuni preziosi manoscritti del XIV e XV secolo, fin dal 1317 dispone di un vasto parco, delimitato da un cancello e dalle mura. Ancora oggi esistono gli edifici intorno al castello, il fossato che si vede anche nel film e i due ponti che costituiscono l'accesso e l'uscita al borgo. Il parco, ovviamente nel corso dei secoli si è ridimensionato dal Medioevo e quello che si vede oggi è stato "ricostruito" nel XX secolo, comprende 6.38 ettari di verde e una cappella dedicata alla Vergine Maria, del 1910, in stile neobarocco, situata vicino all'ingresso del parco.

 

NEI DINTORNI DEL CASTELLO...

 

Cappella neo-gotica di Santa Elisabetta.

Include un altare gotico del XV secolo e sei lapidi dei signori dell'Ordine dal periodo 1305 al 1515, che si trasferirono qui dal castello Horneck nad Necktarem.

Stufe di maiolica.

Le stufe in maiolica sistemate nelle camere individuali sono state fabbricate appositamente per gli interni del castello ricostruito e ciascuno ha un design unico, quindi ci sarebbe anche una specie di museo della maiolica.

La cucina del castello...

Vi ricordate l'oca parlante del film? E la cuoca sclerotica? Anche la cucina del castello, visibile nelle riprese del film "Fantaghirò" è visitabile e contiene una preziosa e antica esposizione di pentole in rame.

Armi....

Il Castello ospita anche una collezione di armi autentiche di vari periodi storici, situata nella sala gotica originale.

Una scala da visitare

Ai superstiziosi, mai una scala fu più celebre. Si tratta di una magnifica scala di arenaria nel secondo cortile del palazzo settentrionale, installata durante l'ultima ristrutturazione da parte dell'Ordine.

Il pozzo del castello

Profondo 40 metri, il pozzo, è ripreso anche nelle numerose scene del film.

Per visitare il castello:


Fonti bibliografiche:

La storia del castello è stata tradotta da Vivere il Medioevo, dall’inglese, dal sito: http://www.olomoucky-kraj.com/object.php?object=4&l=3

0 commentarium:

Posta un commento

Gentile Viandante, il tuo commento sarà pubblicato non appena approvato dall'Amministratore entro 24h. Si raccomanda di non usare questo spazio per fare commenti o domande su argomenti che non centrano con quanto scritto nel post che ti accingi a commentare. Se hai delle richieste specifiche clicca qui: Scrivici. Non si risponde tramite questo servizio poiché non sempre vi è la certezza che l'utente riceva o legga la risposta. Puoi usare questo spazio anche per esprimere apprezzamenti, nel rispetto delle norme della buona educazione e del regolamento del sito.

Gli utenti che utilizzeranno questo spazio per scrivere insulti a noi o altri utenti del blog, bestemmie o inviare link con virus o materiale illegale, saranno segnalati alla Polizia Postale.